Pechino, il cielo si è tinto di giallo. Una tempesta di sabbia del Gobi si è riversata sulla Cina. Una polvere di color giallo ocra ha coperto il cielo di Pechino. Si tratta di una tempesta di sabbia del Gobi proveniente dalla Mongolia Interna. I vecchi saggi cinesi sottolineano che simili episodi sono classici avvenimenti registrati all’inizio del periodo primaverile. In particolare tra marzo e aprile si verificano simili episodi anche se questa volta l’Ufficio metereologico afferma che tale tempesta è la più potente registrata negli ultimi anni. Le immagini della tempesta hanno spaventato tanto da far gridare sui social l’hastag #Apocalypse.

Tempesta di sabbia del Gobi: gli effetti

Sono stati registrati effetti in seguito alla tempesta di sabbia del Gobi. In particolare si è parlato di 9 morti e circa 500 dispersi in Mongolia. La questione dell’inquinamento in Cina è affare molto dibattuto. I dati sull’inquinamento dell’aria si aggiornano di continuo; essi sono utili per monitorare la questione spesso considerata molto pericolosa. Nel 2014 il governo ha registrato dati particolarmente preoccupanti. Per questo motivo è stato necessario mettere in atto alcuni provvedimenti volti a migliorare la condizione soprattutto nella zona della capitale cinese. In base a quanto detto è stato ridotto l’uso di carbone soprattutto per quanto riguarda il processo di produzione di energia. Numerose fabbriche sono state spostate. A tal proposito, già in passato è stata lanciata una campagna di riforestazione utile per proteggere Pechino dalla sabbia del Gobi, causa i diversi episodi registrati.

Tempesta dalla Mongolia

L’ultima tempesta di sabbia del Gobi che ha investito il cielo di Pechino ha fatto in modo che i dati sull’inquinamento dell’aria schizzassero verso livelli molto preoccupanti. Le particelle infinitesimali di PM 2.5 sono arrivate a 732 microgrammi per metro cubo. Inoltre, per contrastare questo tipo di pericolo anche gli urbanisti si sono espressi. Questi ultimi hanno pensato di ideare dei dei canali o corridoi tra i grattacieli, in modo che questi possano incanalare tutta la sabbia.

Allarme meteo

Si tratta di un vero e proprio allarme meteo. Questo è stato esteso a 12 province della Cina, in particolare alla zona del nord. Molti voli sono stati cancellati. Insomma, la situazione generale proposta è stata particolarmente preoccupante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *